Harry Wu

Mercoledì  23 gennaio presso la sala conferenze del PIME di Milano è stato presentato il libro ”I miei anni nei Gulag cinesi” del professor Harry Wu. Don Giancarlo e una parte del gruppo missionario hanno partecipato all’incontro.

 

Il professor Harry Wu (in Cinese Wu Hongda 吳弘達) è un attivista per i diritti umani nella Repubblica Popolare Cinese. Ora residente e cittadino degli Stati Uniti, Wu ha trascorso 19 anni nei campi di lavoro cinesi, che poi ha fatto conoscere col termine ‘laogai‘.Proveniente da una famiglia agiata (il padre era banchiere, la madre era una discendente di proprietari terrieri), Wu ricorda la sua infanzia come ‘pacifica e gradevole’, ma la sua fortuna cambiò dopo la fine della guerra civile cinese nel 1949.

Studiò all’Istituto di Geologia di Pechino, dove fu arrestato la prima volta nel 1956 per aver criticato il Partito Comunista Cinese durante la Campagna dei Cento Fiori. Benché mai formalmente incriminato e sottoposto a processo, nel 1960 fu inviato nei ‘laogai‘ (‘riforma attraverso il lavoro’) con l’accusa di essere un controrivoluzionario. Lì rimase per 19 anni durante i quali fu trasferito in 12 differenti campi e costretto ad estrarre carbone, costruire strade e lavorare la terra. Il tragico racconto di quei 19 anni è raccolto in Bitter Winds (1994), memoria delle sue esperienze nei Laogai (edizione italiana: Contro rivoluzionario. I miei anni nei Gulag Cinesi, Edizioni San Paolo, Cinisello Balsamo (Mi) 2008).

Nel suo libro, scritto insieme alla giornalista Carolyn Wakeman, Harry Wu narra la storia della sua prigionia e della sua sopravvivenza, degli straordinari atti di coraggio che lui e i compagni dovettero praticare per aiutarsi reciprocamente con un indimenticabile eroismo. Con particolari a volte persino raccapriccianti, Wu presenta la vita di prigionia, quando si setacciavano i campi alla ricerca di rane e di serpenti che poi la notte nelle baracche diventavano cibo. Più di una volta al limite della morte e della pazzia, Wu riesce a risalire dagli abissi del nulla, grazie alla forza della dignità personale. Così scrive di questo libro il Los Angeles Times: ”Bitter Winds merita di essere accostato ad Arcipelago Gulag di Aleksandr Solzhenitsyn quale insuperabile e personale testimonianza di che cosa accadeva a milioni di uomini e donne innocenti”. Il libro è la storia veramente toccante della vittoria di un uomo, è una testimonianza indelebile del potere dello spirito umano. Quando è uscito negli Stati Uniti, la ”New York Times Book Review” ha nominato Bitter Winds ”libro dell’anno”.

Rilasciato nel 1979 durante la liberalizzazione che seguì la morte di Mao Zedong, Wu si è trasferito negli Stati Uniti, dove è diventato professore di Geologia all’Università della California, Berkeley.
Lì cominciò a scrivere delle sue esperienze nei Laogai e nel 1992 rinunciò all’insegnamento per diventare un attivista per i diritti umani, dedicandosi a tempo pieno alla diffusione della verità sulla Cina. A questo scopo ha creato la Laogai Research Foundation, organizzazione di ricerca e pubblica educazione non-profit. Il lavoro della fondazione è riconosciuto come fonte primaria di informazioni sui campi di lavoro cinesi. Wu ha testimoniato di fronte a diversi Congressi negli Stati Uniti, al parlamento del Regno Unito, della Germania, dell’Australia, alle Nazioni Unite e, grazie all’interessamento di Alternativa Sociale, anche al Parlamento Europeo.

Nel 1995 Wu, già cittadino statunitense, fu arrestato mentre tentava di rientrare in Cina. Il governo cinese lo trattenne per 66 giorni prima sottoporlo ad un rapido processo in cui lo accusava di spionaggio al termine del quale fu condannato a 15 anni di prigione e subito espulso. Wu attribuisce il suo rilascio ad una campagna internazionale in quei giorni in suo favore.

Wu ha ricevuto il ‘Premio Libertà’ dalla ‘Federazione Ungherese Attivisti per la Libertà’ nel 1991. Nel 1994 ha ricevuto il primo ‘Premio Martin Ennals per i Diritti Umani’ dalla ‘Fondazione Svizzera Martin Ennals’. Nel 1996, fu insignito della ‘Medaglia alla Libertà’ dalla ‘Fondazione Tedesca per la Resistenza della Seconda Guerra Mondiale’. Ha anche ricevuto la laurea ad honorem dall’Università di St. Louis e dalla Università Americana di Parigi nel 1996.

Wu è attualmente Direttore Esecutivo della ‘Laogai Research Foundation’ e del Centro Informazioni sulla Cina. Entrambe le organizzazioni sono situate a Washington DC e sono finanziate principalmente dal National Endowment for Democracy.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.